Grill

Teroldego

L’appezzamento è stato messo a dimora nel 1999, su un terreno dove il Teroldego era già presente da decenni. Anche in questo caso il nome Grill si lega saldamente al territorio. Grill è la zona di cui fa parte l’appezzamento, ed era il nome di un vecchio maso abbattuto anni or sono in seguito all’ampliamento dell’attività estrattiva delle cave di gesso.

Il vigneto ha una superficie di circa 4000 metri quadrati: si ottengono circa 2200 bottiglie con una produzione di 70 quintali ad ettaro. Anche in questo caso l’uva viene vendemmiata delicatamente a mano cercando di non rompere gli acini. Adagiata in cassette viene mandata alla diraspatura e poi, sempre per caduta, continua il suo percorso in una botte di acciaio inox. Dopo 10-15 giorni di macerazione prosegue la sua vita in legno. Essendo un materiale vivo con la sua respirazione aiuta a migliorarne la maturazione. Rimane in botte fino alla vendemmia successiva per poi affinare il suo carattere in bottiglia per almeno 1 anno.

Il vino è pronto dopo 2 anni dalla sua vendemmia: il corpo e la struttura donate dal nostro terroir ne fanno un vino adatto all’invecchiamento.